• Largo Alberto Pepere 19 00151 Roma (zona Monteverde)
  • Mar-ven: 09:30 - 19:30 Sab:09:30 - 18:00

Perché prendere il sole è importante?

L’esposizione solare fa bene all’organismo, solo se si adottano le corrette protezioni. Il sole incide  sulla produzione di VITAMINA D ,fondamentale per la salute delle ossa. È inoltre uno stimolante  per alcune regioni cerebrali, come l’ipotalamo, adibite alla produzione degli ormoni della felicità,  

serotonina ed endorfine .Il sole però è anche il principale nemico della salute e della bellezza della  pelle. L’esposizione eccessiva e non protetta ai raggi UV può danneggiare il DNA delle cellule  cutanee, portando anche allo sviluppo di tumori della pelle come il melanoma. Il sole causa inoltre  la degenerazione di collagene ed elastina, le proteine che danno struttura, sostegno ed elasticità  alla pelle, accelerando la comparsa di rughe e cedimenti. Può causare anche la formazione di  macchie brune, incidendo quindi sull’invecchiamento precoce. 

La prima e fondamentale è l’utilizzo della crema solare. Sceglietela con fattore di protezione solare  SPF 30 o 50, che schermano in una percentuale più elevata i raggi UVB responsabili delle  scottature. La crema solare va applicata sempre, anche da abbronzati, non solo al mare, ma anche  durante l’esposizione in città, in giardino, o terrazzo . 

Va applicata 15 minuti prima dell’esposizione, va riapplicata numerose volte durante la giornata:  ogni 2 ore, e sempre dopo essersi bagnati o essersi asciugati con il telo. Attenzione anche alla  giusta quantità di crema. Si tende infatti ad applicarne molta meno rispetto a quella che è  effettivamente in grado di proteggere la pelle. Il quantitativo corretto è di circa 36 grammi di  prodotto per tutto il corpo, cioè 6 cucchiai pieni. E infine NON UTILIZZATE mai la crema solare  avanzata dall’anno precedente, perché potrebbe non garantire la protezione originaria 

1.Esporsi gradualmente, soprattutto se si ha la pelle chiara. Da pochi minuti a poche ore,  giorno dopo giorno, evitando le ore più calde della giornata (dalle 11 alle 16). Esporsi poco  non significa non abbronzarsi, ma consente di farlo nel modocorretto, cioè lentamente e  gradualmente. Esponendosi immediatamente e a lungo non ci si procurerà l’abbronzatura  ma quel rossore tipico della scottatura. L’abbronzatura sana e che dura a lungo si costruisce giorno dopo giorno 

2.. Per ottenere un’abbronzatura omogenea, è buona norma preparare la pelle, attraverso  l’esfoliazione. Qualche giorno prima dell’esposizione fate uno SCRUB delicato per eliminare  le cellule morte 3.Dopo l’esposizione usate sempre una crema dopo sole, anziché la solita crema idratante.  Scegliere una crema specifica formulata per il post esposizione aiuterà la pelle a combattere lo stress ossidativo causato dai raggi UV. Le creme dopo sole hanno ingredienti che non  solo idratano, leniscono e rinfrescano la pelle, ma anche che agiscono a livello cellulare per  fermare i processi ossidativi e i radicali liberi, che porterebbero al danneggiamento delle  cellule e al conseguente invecchiamento precoce.

.